+39 0474 710390info@hotel-st-veit.com
+39 0474 710390info@hotel-st-veit.com
Arrampicate
Richiesta non vincolante

Le Vie ferrate più belle a…

… Sesto e dintorni

Le vie ferrate nelle Dolomiti sono una fantastica opportunità per gli appassionati di arrampicata che ameranno mettere alla prova le loro capacità e lanciarsi in nuove sfide. Potrete esplorare le Dolomiti attorno a Sesto con i più svariati tour di arrampicata spingendovi ai vostri limiti personali.

Provate la giusta dose di adrenalina sulle Vie ferrate nelle Dolomiti che diventeranno presto un punto fermo della vostra vacanza attiva all’Hotel St. Veit.

Programma estivo 2016 Tre Cime - Scuola di Alpinismo (Download PDF)

Tour in cima alla Croda Rossa

Facile via ferrata che conduce alla montagna di Sesto.

Partenza:Hotel St. Veit (1.330 m)
Percorso:Prati di Croda Rossa – Crostone di Croda Rossa – ritorno.
Dislivello:1.014 m
Punto più alto:croce di vetta (2.939 m)
Tempo di marcia:5-6 ore
Lunghezza:ca. 10 km
Grado di difficoltà:5

Consigli e raccomandazioni: La Croda Rossa assieme alla Cima Undici si trova a sud di Sesto. Durante il percorso ci si imbatte nei resti di accampamenti risalenti alla Prima Guerra Mondiale. In diversi punti della salita è necessario fissarsi con la fune in quanto è considerata come una leggera via ferrata. Richiede un passo fermo, agilità, equilibrio e una certa esperienza.

Descrizione del percorso: dall'Hotel St. Veit (1.330 m) raggiungete il Café Kofler e procedete per i prati fino alla stazione a valle della funivia della Croda Rossa con la quale si accede ai Prati di Croda Rossa (1.925 m). Dietro al Rifugio Rudi prendete il sentiero n. 100 che sale nel bosco attorno al Crostone della Croda Rossa (2.477 m) e a ovest porta a un bivio. Svoltate a sinistra e salite su un pendio ricoperto di erba che offre uno splendido panorama sulla Cima Undici. Procedete quindi verso est e continuate a salire fino alla cresta settentrionale della Croda Rossa. Sul lato di sinistra imboccate la ferrata 15 b che termina a Castelliere. Ora dovrete affrontare un tratto roccioso e in salita per una ventina di metri (fissatevi alla fune di sicurezza, questo è il passaggio più difficile di tutta la scalata) da cui si raggiunge la croce (2.939 m); dai Prati di Croda Rossa 3 ore – 3 ore e mezza. Straordinaria vista sulle Dolomiti di Sesto. La discesa avviene a ritroso fino al bivio con la ferrata 15 b. Procedete fino ai Prati di Croda Rossa, dalla cima circa 2 ore e mezza e poi si scende a valle con la funivia.

Variante: Potete salire anche passando per il Crostone di Croda Rossa (sentiero n. 100). Qui occorre superare una scala in ferro di circa 8 metri; oltre a questo passaggio non vi sono tratti difficili. La salita sfocia quindi nel percorso descritto in precedenza. Questa variante è più bella dal punto di vista paesaggistico.

Sentiero degli alpini

La famosa Via ferrata della Prima Guerra Mondiale.

Partenza:Hotel St. Veit (1.330 m)
Percorso:Val Fiscalina – Rifugio Comici – Sentiero degli Alpini – Berghotel Tirol
Dislivello:1.200 m
Punto più alto:Cima Undici (2.648m)
Tempo di marcia:6-7 ore
Lunghezza:ca. 12 km
Grado di difficoltà:5

Consigli e raccomandazioni: Questa scalata è una delle più celebri che costellano le Dolomiti di Sesto. Durante la Prima Guerra Mondiale il sentiero fu realizzato dagli Alpini e migliorato successivamente in virtù del grande interesse dimostrato dai turisti. Non ci si dovrebbe far ingannare dal nome “tranquillo” che descrive questa alta via di montagna che si snoda attraverso pareti verticali e profonde gole. Sono richiesti equilibrio e attrezzatura da scalata.

Descrizione del percorso: in macchina o in autobus raggiungete la Val Fiscalina e imboccate il sentiero n. 103 che inizia con un tratto pianeggiante. Raggiungete il Rifugio Fondovalle (1.526 m) e successivamente il Rifugio Comici (2.2354 m) nel giro di circa 2,5 ore. Prendete poi il sentiero n. 101 che passa sotto la Cima Dodici (3.094 m) per raggiungere il lago ghiacciato da cui si svolta a sinistra sempre con lo stesso sentiero. Attraversate il canalone della Busa di Dentro e sotto le punte della Mitra (2.778 m) e della Spada (2.526 m) che accede alla via ferrata. Assicuratevi ora alle funi di sicurezza perché inizia il tratto più impegnativo che porta alla Busa di Fuori. Il passaggio è angusto e passa sotto la Cima Undici, che aggirerete. Da qui si possono vedere i resti degli accampamenti militari. Procedete fino alla forcella della Cima Undici (2.600 m), dove prenderete il sentiero n. 124, che conduce in Val Fiscalina. Un’alternativa per arrivare ai Prati di Croda Rossa e poi proseguire a valle con la funivia è il sentiero n. 100 o 124, dove risparmierete 450 metri di discesa. È possibile fare questo tour anche al contrario, quindi partendo dalla Val Fiscalina o dai Prati di Croda Rossa salendo per la Cima Undici.

Variante: dalla Cima Undici procedete con la seconda parte del Sentiero degli Alpini fino al Passo della Sentinella e accedete alla Val Fiscalina oppure ai Prati di Croda Rossa. Questo tratto è consigliato a scalatori esperti perché si sviluppa con un percorso stretto e impegnativo. 

Cima Paterno

Partenza:Hotel St. Veit (1.330 m)
Percorso:Val Fiscalina – Rifugio Tre Cime – Forcella Camoscio – Berghotel Tirol
Dislivello:1.376 m
Punto più alto:Monte Paterno (2.746 m)
Tempo di marcia:6-7 ore
Lunghezza:ca. 10 km
Grado di difficoltà:5

Consigli e raccomandazioni: La Cima Paterno a sud-est rispetto al Rifugio Tre Cime è diventata famosa durante la Prima Guerra Mondiale: proprio qui infatti fu ucciso il celebre alpinista Sepp Innerkofler. Dopo il ripristino del sentiero da parte degli Alpini, il Monte Paterno è una delle mete preferite degli scalatori appassionati. Nonostante i punti di fissaggio, è richiesto equilibrio e passo fermo. 

Descrizione del percorso: Dall’Hotel St. Veit raggiungete il parcheggio in Val Fiscalina con il bus o in auto. Procedete a piedi fino al Rifugio Fondovalle e percorrete il sentiero n. 102 per la Val Sassovecchio e raggiungete il Rifugio Tre Cime. Procedete sul sentiero sotto il "Frankfurter Würstl" (apprezzato luogo di esercizio dagli scalatori) e salite passando per la galleria nella montagna. All’uscita si ammira uno straordinario panorama sulle Dolomiti di Sesto, in particolare sulle Tre Cime. Inizia il tratto con le funi di sicurezza che sale fino alla Forcella Camoscio. A sud svoltate prima a sinistra in salita e poi a destra fino alla cima con il crocifisso con la targa commemorativa in onore di Innerkofler.

Monte Piana

Un rinomato monte panoramico dal triste passato.

Partenza:parcheggio dell’Hotel Drei Zinnenblick (1.406m)
Percorso:Val di Landro – Sentiero dei Pionieri - Monte Piana – Val Rinbianco – Val Rienza
Tempo di marcia:Parcheggio – Cima Sud Monte Piana 2-3 ore, Discesa 1-2 ore, tempo totale 4-5 ore
Caratteristiche:tour impegnativo di media lunghezza. Si richiede passo fermo ed equilibrio. Alcuni tratti sono vere scalate
Dislivello:950 m salita e discesa
Punto più alto:Cima sud del Monte Piana (2324m)

Da vedere: Il panorama a 360° offerto dal Monte Piana; molti resti risalenti alla Prima Guerra Mondiale.

Consigli: dalla cima sud del Monte Piana al Rifugio Bosi (2.205m).
È possibile anche raggiungere il Rifugio Bosi con una jeep dal Lago di Misurina.

Vi auguriamo un buon divertimento con una delle vie ferrate delle Dolomiti!

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
ok